Perché una Warner Bros.-Paramount ha (e non ha) senso

I creatori di accordi con i media non aspetteranno fino al 2024 per avviare potenziali fusioni e acquisizioni di grandi dimensioni.

La notizia che David Zaslav, amministratore delegato della Warner Bros. Discovery, ha espresso interesse a collaborare con la Paramount ha fatto parlare di sé su una possibile unione dei migliori candidati di Hollywood. Ma non è chiaro se Questo sarà la combinazione che verrà completata, scrivono Lauren Hirsch e Michael de la Merced di DealBook.

Un accordo potrebbe avere senso. Le loro piattaforme di streaming – Max e Paramount+ – sono molto più piccole di Netflix o Disney+, quindi metterle insieme potrebbe creare un concorrente più solido. (Da notare: entrambe le società possiedono preziosi diritti di streaming sportivo, che potrebbero aiutare ad attirare abbonati.)

E potrebbe dare al business unito maggiore influenza nelle trattative con i fornitori di servizi via cavo sulle tariffe per la trasmissione di reti televisive legacy come Comedy Central e Discovery, soprattutto perché quei canali soffrono di ascolti in calo e vendite pubblicitarie stagnanti.

Ma ci sono molte ragioni per non concludere un accordo. La Warner Bros. Discovery ha 40 miliardi di dollari di debito e 5 miliardi di dollari di flusso di cassa libero, mentre la Paramount ha un flusso di cassa negativo e 15 miliardi di dollari di debito. In altre parole, la società combinata avrebbe un carico di debiti schiacciante e pochi soldi per ripagarlo o spendere sui contenuti, costringendo potenzialmente Zaslav a tagliare più costi, dopo che gli sforzi precedenti hanno bruciato la sua posizione con i creatori di contenuti.

La nuova attività dipenderebbe inoltre fortemente dal declino dei canali televisivi, una situazione che non piace agli investitori. (La Paramount, tuttavia, potrebbe essere in grado di vendere BET e VH1 a un acquirente come il magnate dei media Byron Allen.)

Gli investitori non sono entusiasti della potenziale combinazione: le azioni della Warner Bros. Discovery sono scese di quasi il 6% mercoledì dopo che Axios ha chiuso le trattative, mentre le azioni della Paramount sono scese del 2%.

Ci sono altre incognite:

  • Shari Redstone, che gestisce la società madre della Paramount, potrebbe essere disposta a un accordo, dato che sta esplorando la vendita di una partecipazione di controllo nella sua azienda a Skydance, uno studio sostenuto dalla società di investimento RedBird Capital. Ma anche il magnate dei media John Malone, che siede nel consiglio di amministrazione della Warner Bros. Discovery, è in gioco?

  • È probabile che le autorità antitrust dell’amministrazione Biden, che hanno appena finalizzato un’aggressiva revisione delle regole sulle fusioni, siano scettiche nei confronti di una tale combinazione.

  • Fino a che punto possono spingersi i colloqui senza entrare in conflitto con le regole dell’IRS che imporrebbero un grosso taglio fiscale a Warner Bros. Discovery se dovesse concludere un grosso affare prima di aprile?

Alcuni osservatori pensano che ci sia un elemento Kabuki in questi colloqui. Alex Sherman della CNBC e Martin Peers di The Information si chiedono se l’approccio di Zaslav alla Paramount, e la sua rapida fuga di notizie ai media, fosse un tentativo di mercato – o un modo per attirare Comcast, la cui NBCUniversal è stata a lungo considerata un potenziale acquirente della Warner Bros. Scoperta. (NBCUniversal, con le sue tasche più profonde, è finanziariamente un partner più attraente per la società di Zaslav, anche se dovrebbe affrontare anche preoccupazioni antitrust.)

Non tutti gli autori di accordi pensano che sia così anche in questo caso. Ma poiché gli investitori sono ampiamente convinti che l’industria dei media debba in qualche modo consolidarsi, l’unica domanda è quali accordi verranno conclusi.

Apple perde la gara per ritardare il divieto di vendita del suo smartwatch. La Commissione per il commercio internazionale ha negato il tentativo dell’azienda di sospendere l’azione mentre Apple fa appello contro una sentenza secondo cui avrebbe violato i brevetti di un concorrente. Apple ha dichiarato questa settimana che smetterà di vendere le ultime versioni del suo popolare dispositivo nei negozi statunitensi a partire da giovedì. Il presidente Biden avrebbe tempo fino al 25 dicembre per porre il veto alla decisione originale.

L’amministrazione Biden potrebbe aumentare le tariffe sui produttori cinesi di veicoli elettrici. Secondo il Wall Street Journal, i funzionari stanno valutando la possibilità di aumentare la tassa del 25% (imposta dall’amministrazione Trump) per rilanciare il settore dell’energia pulita negli Stati Uniti. Nel frattempo, giovedì la Cina ha dichiarato che fermerà l’esportazione di metalli e magneti delle terre rare, ingredienti cruciali nella realizzazione di hardware militare e veicoli elettrici.

Sempre più aziende avvertono di interruzioni della catena di approvvigionamento a causa degli attacchi nel Mar Rosso. Ikea ed Electrolux hanno affermato che la consegna dei prodotti potrebbe essere ritardata, poiché i ribelli Houthi nello Yemen promettono di intensificare i loro attacchi alle navi. Più di 100 navi portacontainer sono state reindirizzate per circumnavigare l’Africa, una deviazione che potrebbe aggiungere più di una settimana ai tempi di viaggio e aumentare le tariffe di spedizione.

Anthropic, la tanto pubblicizzata start-up di intelligenza artificiale, è in trattative per raccogliere 750 milioni di dollari da sostenitori tra cui Menlo Ventures per una valutazione di almeno 15 miliardi di dollari, secondo The Information. È un segno di quanti soldi sono necessari per competere nelle guerre dell’intelligenza artificiale e di come gli investitori siano (per lo più) disposti a continuare a pagare.

Considera i numeri strabilianti del potenziale investimento: A 15 miliardi di dollari, escludendo il potenziale nuovo investimento, la valutazione di Anthropic sarebbe il triplo di quella registrata in una tornata di raccolta fondi questa primavera. E, secondo The Information, sarebbe 75 volte il fatturato annualizzato della società, più del multiplo di 66 volte dell’attuale vendita di azioni di OpenAI.

Anthropic ha già raccolto cinque round quest’anno, secondo i dati di Crunchbase. L’azienda ha raccolto 7,6 miliardi di dollari da investitori, inclusi giganti della tecnologia come Amazon e Google, desiderosi di integrare il modello Claude AI di Anthropic nelle loro tentacolari piattaforme di cloud computing.

Questa enorme somma è necessaria, considerando i costi estremamente elevati della potenza di calcolo necessaria per sviluppare sistemi di intelligenza artificiale. (Questo è il motivo per cui gran parte dell’investimento di 10 miliardi di dollari di Microsoft in OpenAI è in crediti cloud.)

Ciò suggerisce che gli investitori rimangono interessati ai leader dell’intelligenza artificiale. Secondo PitchBook, gli investimenti complessivi nelle start-up di intelligenza artificiale generativa sono diminuiti nel terzo trimestre, con alcuni investitori che citano crescenti difficoltà con la tecnologia e un certo raffreddamento del fervore per i chatbot. Anthropic è chiaramente un’eccezione, così come Mistral, una start-up francese che nei suoi primi sette mesi ha raccolto più di 650 milioni di dollari e ha chiuso un nuovo round di finanziamento questo mese.

Gli investitori sono ancora disposti a sostenere un’azienda con una governance aziendale non ortodossa. La supervisione di Anthropic non è così apertamente disordinata come la configurazione di OpenAI; ha un consiglio che ha una responsabilità fiduciaria nei confronti degli azionisti, per esempio.

Ma la start-up, i cui fondatori hanno lasciato OpenAI a causa di preoccupazioni sulla sicurezza, ha anche creato un cosiddetto fondo fiduciario a lungo termine, composto da amministratori finanziariamente disinteressati, inteso a garantire che l’azienda sia all’altezza della sua missione di produrre un’intelligenza artificiale a vantaggio umanità.


Dal crollo della Silicon Valley Bank la scorsa primavera, Wall Street è in allerta per il prossimo grande rischio sistemico. In cima alla lista delle preoccupazioni c’è l’esposizione del settore bancario all’inacidimento del mercato immobiliare commerciale.

Un nuovo studio fornisce un numero sulla posta in gioco. Le banche affrontano perdite fino a 160 miliardi di dollari a causa di un’ondata prevista di default sui loro prestiti immobiliari commerciali, scrivono ricercatori di Columbia, Stanford, USC e Northwestern in un documento di lavoro pubblicato dal National Bureau of Economic Research.

Una ricerca separata di questa settimana ha stimato che i valori degli immobili commerciali, o CRE, sono destinati a diminuire di oltre 500 miliardi di dollari nel 2024. E Morgan Stanley ha calcolato all’inizio di quest’anno che gli istituti di credito dovrebbero negoziare più di 1,5 trilioni di dollari dei loro portafogli CRE entro la fine. del 2025 per evitare il default.

Il potenziale tsunami di perdite potrebbe mettere a rischio le banche. “La nostra analisi, che riflette le condizioni di mercato fino al terzo trimestre del 2023, rivela che il rischio CRE può indurre da dozzine a oltre 300 banche regionali, principalmente più piccole, ad unirsi alle fila delle banche a rischio di solvibilità”, hanno scritto i ricercatori nel documento NBER.

CRE è la linfa vitale delle attività di prestito della maggior parte delle banche, un mercato stimato a circa 20 trilioni di dollari. Il settore è diventato più precario a causa di un cocktail potenzialmente tossico di posti vacanti post-pandemia, della tendenza al lavoro da casa, dei tassi di interesse più alti degli ultimi decenni e di un’economia in rallentamento.

Anche i regolatori sono preoccupati. Nel suo rapporto annuale pubblicato la scorsa settimana, il Financial Stability Oversight Council – un organo di vigilanza creato sulla scia della crisi bancaria del 2008 – ha definito gli immobili commerciali il più grande rischio finanziario per l’economia. La massiccia crisi CRE potrebbe anche costringere le banche a ridurre i prestiti altrove, ha avvertito il FSOC.


La forte spesa al dettaglio è stata una delle sorprese di queste festività natalizie, in contrasto con le previsioni degli economisti secondo cui i consumatori sarebbero sul punto di ritirarsi di fronte all’elevata inflazione e alla riduzione dei risparmi.

La rinascita dei cosiddetti prestiti “compra ora, paga dopo” potrebbe alimentare il lusso dello shopping, e alcuni economisti sono preoccupati, riferiscono Ben Casselman e Jordyn Holman del Times.

I prestiti, che consentono ai consumatori di pagare gli acquisti a rate, spesso senza interessi, sono diventati sempre più popolari a causa dei prezzi e dei tassi di interesse elevati. I rivenditori li hanno utilizzati per attirare i clienti e convincere le persone a spendere di più.

Ma tali prestiti potrebbero incoraggiare gli americani più giovani e a basso reddito ad contrarre troppi debiti, secondo i gruppi di consumatori e alcuni legislatori. E poiché tali prestiti non vengono regolarmente segnalati alle agenzie di credito o registrati nei dati pubblici, potrebbero anche rappresentare una fonte nascosta di rischio per il sistema finanziario.

“Più approfondisco la questione, più sono preoccupato”, ha detto Tim Quinlan, un economista di Wells Fargo che ha recentemente pubblicato un rapporto che descrive i prestiti con pagamento posticipato come “debito fantasma”.

Offerte

  • Warburg Pincus ha contattato l’ex presidente del Credit Suisse, Antonio Horta-Osorio, per un’offerta di 6 miliardi di euro (6,6 miliardi di dollari) per le attività di telecomunicazioni portoghesi di Altice. (FT)

  • Swisscom starebbe valutando un’offerta per l’unità italiana di Vodafone. (Bloomberg)

  • La società di consulenza aziendale Aon ha accettato di acquistare il broker assicurativo NFP in un accordo del valore di 13,4 miliardi di dollari. (Reuters)

  • “La reazione degli Stati Uniti contro Nippon Steel è del tutto fuorviante” (FT)

Politica

Meglio del resto

  • Bobby Kotick, il CEO di Activision Blizzard che ha orchestrato la più grande fusione nel settore dei giochi, si dimetterà la prossima settimana. (CNBC)

  • Una commissione della Camera che indaga sull’antisemitismo ad Harvard ha richiesto documenti relativi alle accuse di plagio mosse contro il presidente dell’università, Claudine Gay. (Il cremisi di Harvard)

  • Un uomo della Carolina del Nord si è dichiarato colpevole di aver orchestrato uno schema di manipolazione delle azioni che ha coinvolto il Your Hometown Deli a Paulsboro, NJ (NYT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.